cinghiale-in-umido

Il cinghiale in umido è un saporito secondo piatto di cacciagione, caratteristico della cucina Toscana e fra le più tipiche preparazioni invernali di selvaggina.

Una delle caratteristiche della cucina Toscana è quella di utilizzare, nei piatti di tutti i giorni come in quelli delle feste, carne di maiale, carne bianca come pollo, tacchino o faraona e carne di cacciagione come fagiano o cinghiale, fino ad ottenere piatti poco costosi, ma così saporiti che spesso, quello che avanzava, il giorno successivo, poteva essere utilizzato anche per condire la pasta all'uovo fatta in casa, come le classiche pappardelle.

INGREDIENTI

carne di cinghiale
cipolla
carote
sedano
pomodoro passato
olio extra vergine di oliva
foglie di alloro
olio extra vergine di oliva
vino rosso Chianti Rufina
sale e pepe

PREPARAZIONE

Tagliare la carne di cinghiale a bocconcini di media dimensioni. Preparare il battuto di cipolla, carote e sedano e fatelo soffriggere. Unire la carne e farla rosolare qualche minuto aggiungendo l'alloro. Aggiungere il vino, fino a farlo sfumare, a fuoco controllato. Aggiungere quindi il pomodoro passato ed il brodo vegetale, fino a fine cottura.

Il cinghiale è pronto per essere servito, con il suo sugo cremoso e denso.

Vi auguriamo buon appetito!!!

 

25
lug
mirtilli

Mirtilli

Mirtilli, ecco uno dei frutti di stagione più preziosi dell'estate. I mirtilli sono ricchi di proprietà benefiche, a partire dal loro elevato contenuto di antiossidanti utili per proteggere la vista e la circolazione.

Se avete l'occasione di raccogliere i mirtilli, magari durante una gita in montagna, fatene scorta e utilizzateli in cucina per arricchire la vostra colazione e per preparare ricette davvero gustose. Ecco una raccolta di ricette con i mirtilli per gustare al meglio questi...

07
ago
rimuovere-la-placca-in-modo-naturale

Rimuovere la placca in modo naturale

La placca dentale è quella patina gialla che si forma sulla superficie dei nostri denti. È formata da particelle di cibo, zucchero e saliva che si agglomerano nella bocca e serve da alimento per i batteri ed i  germi.

Si forma dopo avere portato cibi alla bocca e si sviluppa quando non puliamo i denti nel modo corretto. Oggi vogliamo affrontare un modo naturale per rimuovere la placca dai nostri denti, una ricetta semplice con olio di cocco e bicarbonato di sodio

L‘olio di cocco è...

11
lug
lamponi

Lamponi

Tra tutti i frutti rossi, tipici di questo momento dell’anno come le more, i mirtilli, i ribes e le fragole…ognuna dotata di particolari caratteristiche, spiccano i lamponi. Nonostante le loro minuscole dimensioni infatti, sono uno scrigno di virtù.

Oltre ad essere ricchi di vitamina C, vitamine come A, B1, B2, B3, B5 E e K, e ad essere composti per la maggior parte da acqua, nonché una buona dose di fibre è interessante il loro contenuto di flavonoidi, una classe di antiossidanti in...

17
set
sedano-di-monte

Sedano di monte

Erba mediteranea, da sapore di sedano a carni e zuppe, ma i semi sono ottimi se aggiunti al pane o a dolci.
Le foglie emanano un delicato aroma se strofinate e vengono quindi impiegate per aromatizzare insalate, essendo il loro sapore pungente una via di mezzo tra quello del sedano e del prezzemolo. Può raggiungere i 2 m di altezza.

BENEFICI:

La radice trova impiego in erboristeria per decotti contro la ritenzione di liquidi nei tessuti (edema) , dovuta a malattie del ricambio.
Giova anche...

29
mag
chianti-:-i-vino-de-medici

Chianti : i vino de Medici

Il termine Chianti rappresenta, assieme alle tradizioni culturali secolari, alla storia, alla letteratura, alla gastronomia, alla popolazione ivi residente, non solo un grande vino, ma anche un sistema socio-economico più complesso.

Il grande sviluppo della viticoltura si è avuto con l'avvento della famiglia dei Medici. Già nella seconda metà del Quattrocento, Lorenzo dei Medici, nel Simposio e nella Canzone di Bacco, illustra un clima popolaresco, dove il vino è l'essenza di un teatro di...

13
mag
miele-e-cosmesi

Miele e cosmesi

MASCHERA AL MIELE

miele di acacia, di pinacee o di timo

A viso rinfrescato ed appena asciugato stendete un sottile strato di miele lasciandolo in applicazione per circa 20 minuti, quindi risciacquate.
Per le sue qualità la maschera al miele è indicata innanzitutto per pelli disidratate e secche, ma è utile anche per il mantenimento in buona salute di ogni tipo di pelle. Le propiretà della maschera possono naturalmente essere estese a tutto il corpo cospargendolo interamente di miele e...

Magazine

La bottega del mulino n°1

Download