shampoo-fai-da-te-alla-farina-di-ceci

Shampoo naturale alla farina di ceci per capelli grassi

La natura ci consente di realizzare shampoo artigianali anche utilizzando la farina di ceci.

Fra le diverse cause che portano a un’eccessiva caduta dei capelli ne vanno segnalate alcune (che sono anche le più comuni):

  • lo stress fisico e psicologico;
  • una dieta squilibrata (in cui manchino importanti sostanze nutritive);
  • diverse patologie (soprattutto a carico della pelle, fra cui la psoriasi);
  • uno stato di eccessiva intossicazione del nostro organismo, che porta a un diffuso senso di malessere.

La cute grassa è la principale responsabile della perdita massiccia di capelli, ed è inoltre un disturbo assai diffuso che difficilmente può essere curato con l’impiego dei normali shampoo non casarecci in commercio. Inoltre, poiché richiede lavaggi molto frequenti, utilizzare un prodotto sbagliato può aggravare lo stato di salute dei capelli.

Ecco perché è importante lavare i capelli con uno shampoo fai da te naturale non aggressivo.

Per realizzarlo bastano:

  • 250 ml di acqua tiepida,
  • due cucchiai di farina di ceci
  • due cucchiai di aceto di mele
  • un cucchiaino raso di salvia essiccata;
  • potete inoltre aggiungere qualche goccia di olio essenziale a piacere, per profumare. 

Lo shampoo naturale alla farina di ceci è riequilibrante e delicato e rappresenta un valido aiuto per combattere la caduta dei capelli e contenere la produzione di sebo, grazie all’effetto assorbente e purificante della farina di ceci e l’azione rinvigorente della salvia.

  • Versate tutti gli ingredienti in un flacone o una ciotola e agitate o mescolate a fondo per farli amalgamare bene,
  • a questo punto potete utilizzare il composto come un normale shampoo,
  • ovvero spalmandolo sul cuoio capelluto e distribuendolo sui capelli in maniera omogenea.
  • Lasciate agire per qualche minuto per poi risciacquare con cura.

In alternativa alla farina di ceci, per trattare i capelli grassi durante il lavaggio si può utilizzare la polvere di argilla mescolata ad un bicchiere di acqua tiepida e qualche goccia di succo di limone. Si tratta di un’alternativa meno delicata della prima ma ad effetto potenziato, grazie alla eccellente capacità della argilla di asciugare il grasso  

05
ott
melissa

Melissa

La Melissa officinalis o melissa è una pianta erbacea spontanea, perenne e rustica, molto ricercata dalle api ed è appunto per questo motivo che prende il nome dal greco mélissa.

Cresce spontaneamente nell'Europa meridionale e nell'Asia occidentale. In Italia la si può trovare lungo le siepi e nelle zone ombrose; viene inoltre coltivata nei giardini. È nota per le sue proprietà medicamentose ed è molto apprezzata anche come erba aromatica.

E' una parente della menta ed è usata in...

25
giu
lampone

Lampone

Frutti molto fragili, ma buonissimi!!

Grazie al loro contenuto di vitamina C, i lamponi sono noti per le loro proprietà antinfiammatorie delle vie respiratorie; solo ultimamente, grazie a recenti studi scientifici, sono venute alla luce, soprattutto per quanto riguarda la varietà di lamponi scuri, le proprietà antitumorali di questo squisito frutto.

Anche le foglie del lampone, in quanto ricche di tannini, hanno proprietà curative in grado di apportare benefici alla nostra salute: un...

02
gen
verbena-odorosa

Verbena odorosa

La verbena odorosa (Aloysia citriodora Palau) è una pianta arbustiva della famiglia delle Verbenaceae. La verbena odorosa, detta anche cedrina, aggiunge in cucina un gusto di limone a pesce e carni bianche, marinate di verdure, marmellate, dessert e bevande.

Si possono coltivare semi o talee, e la germogliazione avviene a fine primavera, inizio estate.

08
ago
coriandolo

Coriandolo

La parola coriandolo deriva dal termine latino Coriandrum che a sua volta trova le radici nella parola greca corys (cimice), seguita dal suffisso -ander (somigliante). Il nome di questa pianta si riferisce allo sgradevole odore che emana fino al periodo della maturazione dei frutti, simile a quello delle cimici. Per questo motivo la pianta del coriandolo è conosciuta anche come erba cimicina.

Atra curiosità legata al nome di questa spezia è il motivo per cui oggi chiamiamo coriandoli i...

22
lug
bacche

Bacche

Per poter piantare gli arbusti, è necessario attendere l'ultima gelata e scavare in profondità per posizionarci le radici. E' necessario per tutti i tipi di bacche un traliccio per sostenerne la crescita.

Alla fine dell'estate i rami vanno potati e legati, con attenzione vista la presenza di spine.

Producono frutti in abbondanza e gli unici nemici che possono incontrare sono gli uccelli. Le bacche possono essere rampicanti o cespugliose.

E' consigliato utilizzare dei concimi naturali per...

25
mag
aspirina-fai-da-te

Aspirina fai da te

Ingredienti:

- 3 cucchiai di fiori di tiglio
- 3 cucchiai di fiori di sambuco
- 3 cucchiai di fiori di viola mammola
- 3 cucchiai di foglie di menta

Preparazione:

Preparate una tazza con acqua e mettetela sul fuoco a scaldare. Munitevi di pestello ed iniziate a tritare e miscelare fra di loro i fiori di tiglio, sambuco, viola mammola assieme alle foglie di menta. Versate 2 cucchiaini del composto ottenuto nell'acqua bollente nella tazza e lasciate riposare il tutto per una decina di minuti....

Magazine

La bottega del mulino n°1

Download