i-gemmoderivati

Gemmoderivati: che cosa sono

I gemmoderivati sono i rimedi impiegati dalla gemmoterapia. Frutto delle ricerche del medico belga Pol Henry, si basa sull’intuizione che i tessuti meristematici delle piante (tessuti embrionali in via di accrescimento) contengono principi attivi diversi dal resto delle parti della pianta adulta, sia dal punto di vista qualitativo, che quantitativo.

La gemmoterapia prepara i rimedi a partire dai tessuti embrionali raccolti freschi, di diversi alberi e arbusti (le gemme e germogli emergenti), ma anche dalle parti riproduttive (semi e amenti) e giovani tessuti (le radici e la corteccia delle radici). In due casi, i rimedi sono anche ottenuti dalla linfa.

 

Gemmoderivati: come si preparano

Per la preparazione dei gemmoderivati si usano piante coltivate secondo rigidi criteri biologici, si evitano concimazioni chimiche e antiparassitari di sintesi, che alterano le loro caratteristiche biologiche, infine si scelgono individui che al momento della raccolta sono sani. Il tempo balsamico (o tempo di raccolta) varia a seconda della specie della pianta e della parte da raccogliere. Per le parti sotterranee, come radici, scorze di radici o rizomi il periodo più adatto va dall’autunno all’inverno, cioè quando in queste parti sono immagazzinate le sostanze nutritive e vitali. Per germogli e giovani parti aeree, le cortecce interne e gli steli, il tempo di raccolta è la primavera.

Secondo la farmacopea francese che regola questo tipo di preparazioni, le parti fresche così raccolte, vanno triturate e messe a macerare per 21 giorni in alcool (45°-65°) e glicerina (sovente naturale più delicato dell’alcool che non deteriora questi elementi così teneri e delicati). Questo è il motivo per cui i gemmoderivati sono conosciuti anche come macerati glicerici o macerati glicerinati. Al termine del periodo di macerazione si eseguono la decantazione, la spremitura del residuo solido e la filtrazione.

 

Tutti i gemmoterapici sono diluiti alla 1 DH che si ottiene diluendo una parte del macerato ottenuto dopo la filtrazione e 9 parti di soluzione conservante. Queste preparazioni vengono poi dinamizzate secondo i criteri dell’omeopatia classica; e servono infatti come base di partenza per i rimedi omeopatici a base vegetale.

 

Gemmoderivati: cosa curano

I gemmoterapici sono stimolatori del corpo, che orientano il nostro organismo verso la via della salute. La gemmoterapia si presta al drenaggio omeopatico che consiste nel sostenere e aiutare l’organismo durante la fase di disintossicazione da tossine che si accumulano nel corpo.

La caratteristica fondamentale della gemmoterapia è  di esercitare a livello energetico, un’azione disintossicante e di preparare il terreno di ogni organo a eventuali interventi successivi, di tipo omeopatico o fitoterapico. I  gemmoderivati non agiscono solamente sugli organi emuntori classici (fegato reni, pelle, intestino, polmoni), ma la estendono a tutti gli organi, secondo l’azione specifica del rimedio.

 Proponiamo qui di seguito un elenco parziale delle loro proprietà.

  • Anticellulite: gemmoderivato di castagno
  • Utili per stimolare la circolazione: gemmoderivati di sorgo, rosmarino, castanea vesca, ginkgo biloba
  • Indicati per allergie al polline e alla polvere: gemmoderivato di ribes nigrum e gemmoderivato di cedrus libani
  • Specifici per affezioni renali: gemmoderivato di crespino 
  • Corroborante per bambini e adulti: gemmoderivato di prugnolo
  • Adatti contro calcoli e colesterolo in eccesso: gemmoderivato di acer campestris e gemmoderivato di fraxinus excelsior

 

Assunzione e controindicazioni

I gemmoderivati si assumono per via orale, diluendo all’interno di un bicchiere d’acqua dalle 4 alle 10 gocce di preparato per ogni 10 kg di peso corporeo. Nonostante possano essere assunti fino a tre volte al giorno e in diversi momenti della giornata, per godere appieno dei loro effetti si consiglia di usarli al mattino prima della colazione e alla sera prima di andare a dormire. Si tenga tuttavia presente che il dosaggio di questi rimedi potrebbe variare in base al singolo prodotto.

I gemmoderivati, in modo simile ai fiori di Bach, possono essere usati da chiunque indipendentemente dall’età e dalle condizione fisiche di salute. Possono essere impiegati quindi da adulti e da bambini ed essere altresì utilizzati in concomitanza sia con farmaci che con altri tipi di rimedi omeopatici. Al loro impiego non sono finora state associate né controindicazionieffetti indesiderati. Si suggerisce tuttavia di utilizzarli per circa 2-3 mesi e di interromperne l’assunzione per dieci giorni prima di riprendere la terapia.

14
feb
shampoo-per-capelli-secchi

Shampoo per capelli secchi

!--StartFragment--

Shampoo fai da te per capelli secchi all’uovo

Lo shampoo fatto in casa all’uovo è un ottimo rimedio naturale per capelli secchi, sfibrati e tendenti a sviluppare doppie punte, patologia solitamente riconducibile all’inquinamento atmosferico e a squilibri nella produzione di sebo.

Semplice e veloce da realizzare, lo shampoo all’uovo ha la capacità di agire sul capello restituendogli forza, volume e lucentezza, grazie all’azione ristrutturante della lecitina e...

15
apr
shampoo-naturale-al-miele

Shampoo naturale al miele

!--StartFragment--

Il miele è un vero toccasana per i capelli danneggiati da trattamenti aggressivi ed esposizione prolungata al sole o altri agenti atmosferici, nonché per contrastare la secchezza della cute; è altresì ideale anche in caso di lavaggi frequenti perchè idrata e riequilibra naturalmente il cuoio capelluto, eliminando forfora, prurito e irritazioni. La ricetta per questo rimedio della Nonna è semplice: diluite un cucchiaino di miele in 75 ml di acqua calda e versatela sul...

23
lug
mora

Mora

Le bacche sono costituite da gruppi di singoli semi, possono essere utilizzate fresce, sul gelato oppure cotte e trasformate in marmellata.
Hanno proprietà depurative, diuretiche, antireumatiche e dissetanti; non solo, aiutano anche a combattere le malattie cardiovascolari mantenendo pulite ed elastiche le arterie, poiché contribuiscono ad eliminare il colesterolo "cattivo" dal sangue.
In caso di problemi intestinali, è indicata l'assunzione di more o di altri frutti di bosco in quanto...

02
set
finocchio

Finocchio

Il finocchio (Foeniculum vulgare Mill.) è una pianta erbacea mediterranea della famiglia delle Apiaceae (Ombrellifere).
Conosciuto fin dall'antichità per le sue proprietà aromatiche, la sua coltivazione orticola sembra che risalga al 1500

in cucina:
In cucina si possono usare tutte le parti del finocchio. Il grumolo bianco (erroneamente ritenuto un bulbo) del finocchio coltivato si può mangiare crudo nelle insalate oppure lessato e gratinato e si può aggiungere agli stufati.

Per quanto...

13
mag
miele-e-cosmesi

Miele e cosmesi

MASCHERA AL MIELE

miele di acacia, di pinacee o di timo

A viso rinfrescato ed appena asciugato stendete un sottile strato di miele lasciandolo in applicazione per circa 20 minuti, quindi risciacquate.
Per le sue qualità la maschera al miele è indicata innanzitutto per pelli disidratate e secche, ma è utile anche per il mantenimento in buona salute di ogni tipo di pelle. Le propiretà della maschera possono naturalmente essere estese a tutto il corpo cospargendolo interamente di miele e...

25
ago
aperitivo-al-limone

Aperitivo al Limone

COCKTAIL AL LIMONE

1 dl di rum bianco, 2 cucchiai di succo di limone, 1 cucchiaio di miele, ghiaccio in cubetti, 3 dl di champagne/spumante

Unite il rum bianco, il succo di limone ed il miele agitando vigorosamente e aggiungendo molto ghiaccio in cubetti. Riempite per 1/3 degli ampi calici e aggiungete 3 dl di champagne o spumante ben freddo. Et voilà un cocktail semplice ma raffinato da servire anche come gradevolissimo aperitivo.

#drink#homemade#champagne#tuscany

Magazine

La bottega del mulino n°1

Download